Un animale per amico. La pet therapy e i suoi benefici - Cesvipe

Vai ai contenuti

Menu principale:

Articoli e Curiosità > Psicologia
Un Animale per Amico.
La Pet Therapy e i suoi Benefici
Gli animali sono da sempre al fianco degli esseri umani; li nutrono, lavorano con loro, li salvano, li fanno divertire, li difendono, li amano e li curano. La Pet Therapy è un antico metodo naturale che è stato adottato in situazioni più controllate e sistematizzate, infatti da sempre il cane viene regalato ad anziani o bambini "difficili" o andare a cavallo viene consigliato per difficoltà motorie ecc..
L'aspetto centrale è la relazione speciale che gli animali sanno offrire; amore incondizionato senza alcuna pretesa. L'animale sa accettare le persone per quello che sono, amandole e basta. Insomma non giuducano.
Inoltre gli animali utilizzano dei canali comunicativi molto semplici, basati sulla comunicazione non verbale e analogica e sull'empatia. Questo significa che comunicare con un animale è più semplice anche se non è dotato della facoltà di parlare e che, spesso l'animale ci capisce di più: chiunque abbia avuto un cane o un gatto può affermare di essersi sentito compreso negli stati d'animo senza dover parlare. Inoltre, pur non avendo la possibilità di comunicare, gli animali sono degli "accelleratori di relazioni umane", cioè velocizzano e favoriscono le relazioni tra esseri umani. E' più facile fare conoscenza e parlare con altri esseri umani se si è in compagnia di un animale, ad esempio un cane. E' più facile per un terapeuta entrare in contatto con un paziente attraverso la mediazione dell'animale che ci fa da ponte.
Su queste caratteristiche di base, la relazione con gli animali può:
  • Stimolare il movimento fisico a misura delle possibilità delle persone, sia anche disabile o anziana;
  • Aiutare a conoscere in diretta la natura, la diversità, i limiti dei cicli vitali, sia biologici che sessuali;
  • Sviluppare la fiducia in se stessi;
  • Indurre esperienze di movimenti nuovi, di modi inediti di comportarsi, si sentire e di essere;
  • Stimolare l'elaborazione di un "linguaggio propriocettivo";
  • Offrire un senso di protezione e di un legame di dipendenza e cura;
  • Aiutare ad apprendere e interiorizzare il senso di responsabilità;
  • Fungere al sostegno emotivo.


Leggi Anche...

Psicologia
Non solo Pasta...
Comportamenti Alimentari.
Cosa facciamo e come lo facciamo fa la differenza!
Curiosità
 
Torna ai contenuti | Torna al menu