Il Funzionamento Ansioso - Cesvipe

Vai ai contenuti

Menu principale:

Articoli e Curiosità > Psicologia

Il Funzionamento Ansioso
 

 
Una delle richieste più frequenti in terapia è la cura dei disturbi ansiosi. Pur nella diversità della storia di ciascuna persona, nei vari disturbi d’ansia sono rintracciabili alcuni ingredienti tipici, comuni alle varie manifestazioni ansiose:
  • la persona percepisce, più o meno consapevolmente, una minaccia nell’ambiente, nella situazione;
  • la persona si percepisce, più o meno consapevolmente, incapace di fronteggiare efficacemente quell’ambiente o situazione “minacciosi”;
  • la minaccia esiste rispetto ad uno o più scopi della persona;
  • uno scopo è percepito minacciato quando la persona prevede il fallimento nel perseguirlo;
  • tanto più è vitale, centrale, importante lo scopo tanto più è intensa l’ansia;
  • spesso l’evento che attiva la percezione di uno scopo minacciato è un pensiero o un’immagine interna più che un evento esterno;
  • la persona è in uno stato di continuo allarme, a volte più acuto, a volte sotterraneo ma sempre presente e disturbante;
  • la persona è sempre sul chi va là, attento a ogni possibile segnale di minaccia e pericolo, anzi con un’attenzione distorta e focalizzata che finisce per creare una profezia che si auto-avvera: chi cerca trova...;
  • ogni forma di rassicurazione viene sottovalutata e respinta;
  • la persona progressivamente evita ogni situazione che anche lontanamente può avvicinarsi ad una percezione di minaccia e alimenta un circolo vizioso: ha paura di qualcosa che non conosce e più la evita più non la conosce più aumenta l’ansia;
  • la persona sente confermate le posizioni/convinzioni di partenza: il mondo è pericoloso e io sono incapace di affrontarlo e padroneggiarlo.




 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Leggi Anche...

Psicologia
Non solo Pasta...
Comportamenti Alimentari.
Cosa facciamo e come lo facciamo fa la differenza!
Curiosità
 
Torna ai contenuti | Torna al menu